25 novembre 2010

Madrid mi prende per la gola - terza puntata del reportage spagnolo



E ora vi delizio col mio reportage culinario madrileno: la foto che state ammirando è stata scattata al mercato di San Miguel, credo fosse la vecchia area del mercato; adesso all'interno di questa struttura racchiusa da vetrate, ci sono negozi di prelibatezze e soprattutto bar in cui andare per tapas, bocadillos e pinchos, ovvero i famosi aperitivi madrileni. E' bello entrare e vedere un brulicare di persone che chiacchierano e si godono le loro tapas, io ho gustato del pane con uno stupendo jamon iberico, che è la qualità migliore di prosciutto e anche la più cara. Una mia amica che è vissuta tanti anni a Madrid mi racconta che la tradizione madrilena vuole che si debbano gustare tapas in due o tre posti almeno, ora magari con la crisi (perchè anche la Spagna ha i suoi bei problemini eocnomici come ben sapete) la gente fa meno la spola tra un locale e l'altro, però non perde il gusto di mangiare in compagnia.
Nel mio breve soggiorno sono riuscita a cenare in due posti davvero ottimi, una sera siamo andati in un ristorante un po' più caro, dove per intenderci vanno i madrileni e non è roba da turisti, e qui abbiamo mangiato una squisita paella mista, ossia carne e pesce, con tanto di faraonico antipasto a base di jamon, chorizo (salame) e salumi vari, il tutto innaffiato da abbondante vino e birra e concluso da dolci vari, tra cui l'arroz y leche (riso al latte) e delizie caloriche al cucchiaio.
Sabato sera invece siamo andati in un locale più economico ma caratteristico, di quelli in cui non ti mettono neanche la tovaglia, e lì ci siamo abbuffati di frittatina di asparagi , di frittatina di funghi e gamberi (che è molto tipica), tortillas, oltre a bocconcini vari di baccalà, arrosti con salsine varie (la qualità della carne spagnola è ottima), il tutto rinfrescato dalla solita cerveza che scende giù che è un piacere, leggera e fresca, infatti i maschietti della comitiva dicevano che era birra per femminucce.
Vi segnalo inoltre la merenda a base di cioccolato caldo e churros, ovvero biscotti fritti.....ecco menomale che ho camminato tutto il giorno e smaltito lcosì le mangiate madrilene, altrimenti la Ryan Air, attenta com'è al peso di tutto, mi avrebbe fatto pagare una sovrattassa per i miei chili in più sul pancino!


13 commenti:

maria grazia ha detto...

Eh si devo proprio andare a
Madrid...

alle ha detto...

Sarà l'ora, ma le prelibatezze madrilene hanno preso forma e quasi mi arrivano anche deliziosi profumi.
Oltre all'abbondanza e alla varietà di scelta che descrivi, mi piace molto il rito del mangiare in compagnia che ha un sapore unico, universale, è terapeutico, mai desueto.
Questo viaggio madrileno si delinea ancora di più e continua a piacermi davvero tanto.

oriana ha detto...

che cose prelibate! Ora vado a mangiare il mio riso al burro innaffiato con acqua minerale e lavoro di fantasia!

amanda ha detto...

oh la spagna gastronomica che delizia il ricordo, anche se lontano è molto gradevole, poi sembra tutta roba da mangiate in compagnia: le più belle

Gloria ha detto...

Voglio anch'io i biscotti fritti! qualcuno si adoperi per favore per portarmi qui per merenda cioccolato e biscotti fritti. ne ho urgentemente bisogno, sento un calo di zuccheri.
Ale vuoi fare concorrenza alla parodi? potresti fare la versione spagnola con miguel...
meno male che ho letto il tup post dopo pranzo. se l'avessi letto prima avrei vsito frittatine di funghi invadere l'ufficio.

amanda ha detto...

@Gloria: sì ed ora ci sono biscotti fritti e cioccolato in marcia di avvicinamento

Gloria ha detto...

Ho sentito bussare. che siano già arrivati?

amanda ha detto...

quelli non bussano si catafiondano di peso

Gloria ha detto...

Assalita dai biscotti fritti : un film dell'orrore!

alessandra ha detto...

Gloriaaaaaaaaaaaa dammi dell'eucalipto se ti fa partorire queste perle-allucinazioni!

Gloria ha detto...

Lo sai vero che l'eucalipto crea dipendenza?? non vorrai mica entrare nel tunnel?

Marilina ha detto...

Che bontà.
Cerveza, paella, tapas, jamon, il salame, le tortillas, i dolci, i churritos... praticamente dei bastoncini di pasta di kraphen spolverati di zucchero in grani... te li servono nel cartoccio di carta, te li mangi per strada (almeno a Barcellona)... e ti riconcili col mondo.
... Almeno fino a quando non arriva una manina non autorizzata, s'infila nel tuo cartoccio e ti prende gli ultimi due churritos... a quel punto dichiari guerra anche alla Svizzera!!!

Emilys ha detto...

La Trip ha letto di questo trionfo di cioccolato e biscotti e sta sbavando più del solito. Dice di aver letto che i churritos contengono molto ferro e vitamina b12 quindi possono tranquillamente sostituire le sue crocchette senior...vuole ordinarle via internet..devo toglierle le password un giorno o l'altro ;-)