24 marzo 2011

occhi viola


Se ne è andata e, incredibile, non aveva neanche 80 anni e si era disfatta e restaurata talmente tante volte che sembrava ne avesse quanti il cinema.
Questo è un buon vento certamente, ma è un pretesto per parlare di occhi viola.
La prima volta che ho visto due occhi color fiordaliso dal vero sono rimasta incantata, erano viola e grandi e così intensi che non potevo smettere di guardarli.
Erano gli occhi di una mia piccola paziente, erano ciò che la rendeva incredibilmente bella ed incredibilmente fragile.
Ma allora ero una studentessa specializzanda al primo anno di audiologia e certe cose le avevo lette solo sui libri e non avevo al momento collegato.
La mia bellissima paziente aveva occhi fiordaliso ed era chiusa in una prigione di silenzio.
Nella sua famiglia non era la sola ad avere occhi speciali, ma questo lo scoprii solo dopo, quando vennero anche il padre ed un cugino a farsi visitare.
Il padre che sentiva perfettamente aveva un occhio azzurro, ma non viola come la sua bimba, e uno castano. Il cugino due occhi grandi e se li guardavi con attenzione erano screziati di pagliuzze, lui, pur bambino, aveva un ciuffo di capelli che lo faceva sembrare Crudelia De Mon o se preferite Liz Taylor in una delle ultime versioni, ed a scuola non era molto brillante.
Quando si fa il medico a volte si perde poesia e non si riesce più a guardare un paio di occhi incantevoli senza pensare alla sindrome che ci sta sotto.
Buon vento Liz.

10 commenti:

alessandra ha detto...

Buongiorno e buon vento alla nostra Liz...mi è dispiaciuto molto, è l'ultima delle dive anni 50 che se ne va, un'icona di quel cinema che faceva sognare e che non c'è più.
Anche a me sembrava che avesse molti più anni, sarà che ha cominciato a fare cinema da ragazzina e che ha vissuto mille vite in una. Quello che mi piaceva di lei, oltre alla sua bellezza luminosa e alle sue doti di attrice,era anche quel suo coraggio di essere se stessa fino in fondo in un periodo di grande conformismo.
Amanda non la conoscevo questa sindrome.

Ernest ha detto...

buon vento davvero! Occhio vila che rimarranno sempre...

alle ha detto...

Buon vento regina, la tua vita è stata come un film la cui trama
nessuno avrebbe saputo scrivere !

Amanda, questa sindrome è davvero
devastante. Gli occhi color zaffiro
mi sembrano un po' un'ironia della sorte !

oriana ha detto...

era comunque una donna fragile...

Gloria ha detto...

mi piace pensarla insieme al suo amico Michael jackson ai piedi dell'arcobaleno dove finalmente hanno trovato un po' di pace

amanda ha detto...

...la strana coppia :)

Marilina ha detto...

Buon vento Liz, e grazie.
Uno su tutti, La gatta sul tetto che scotta.

Grazie Amanda, non si finisce mai di imparare.
Medici e poesia, un fantastico binomio.

Alligatore ha detto...

Non sapevo di questa sindrome;interessante. Tra l'altro, il mio suo film preferito è "Riflessi in un occhio d'oro" di John Huston, con Marlo Brando e Brian "zio Bill" Keith.

Sara ha detto...

Mia mamma le assomiglia tantissimo, anche se ha gli occhi verdi. Forse anche per questo mi è sempre stata simpatica.

amanda ha detto...

@Sara: 'aspita che mamma!