25 agosto 2011

Febbre a 40°









Io non avrei voluto farlo il post sul caldo, no, no.



Ma la temperatura e l'afa affossano qualsiasi capacità di concentrazione, nessuna labile traccia di argomento papabile si affaccia alla mente, tutto si appiattisce.



Poi da lunedì tutti coloro che se la sono gaduta per due settimane al mare o ai monti sono tornati ed ora URGENTEMENTE devono essere visti dal medico, perchè sono malati e tutti quelli che ora sono al mare o ai monti hanno irrimediabilmente i figli malati che fracassano la pace delle loro ferie e vogliono sapere se quello che ha detto loro la guardia medica turistica corrisponde al vero (come se uno, da qui, potesse contestare quello che, da lì, ha visto il collega. A volte quello che ha "visto" da lì il collega è confutabilissimo specie se ha diagnosticato un'otite senza guardare con l'otoscopio dentro all'orecchio del bambino, ma per fortuna mica tutti sono così i colleghi).



Poi è noto che il caldo dà alla testa a chiunque e così martedì chiama una signora e mi dice, testuali parole, "Cosa ci fa lì lei? Non mi aveva detto che doveva tornare la titolare dal 29?" "Signora, ma oggi è il 23" e la obnubilata "Allora non è tornata la Dottoressa" ed io ormai quasi in dubbio "Penso di no Signora".



Così in mezzo a bambini urlanti e alle mamme esasperate trascorro 8 ore della mia giornata e per altre 3 rispondo al telefono.



VOGLIO LE FERIE!

12 commenti:

claudia ha detto...

So che la situazione é tragica, ma il post mi ha fatto ammazzare dalle risate. Hai agione, il caldo dà proprio alla testa...
Io sono tornata ieri al lavoro e Roma é deserta e caldissima. Si vedono in giro solo due tipi di persone: quelle che come me sono appena tornate dalle ferie, un po' depresse ma anche molto, molto rilassate, che sorridono quando salgono sugli autobus (ancora fortunatamente vuoti), che parcheggiano ordinatamente sulle strisce blu, che camminano a passo lento in centro.
E poi quelli che in ferie devono ancora andarci, che sono al limite dell'esaurimento nervoso, sgommano al semaforo, corrono dietro al carrello al supermercato e parlano a voce alta al cellulare.
Tra qualche mese somiglieremo tutti alla seconda categoria. Purtroppo.

amanda ha detto...

@Claudia: temo di somigliare alla seconda, la settimana di giugno è troppo lontana

claudia ha detto...

Allora urgono altre ferie.
Settembre é un mese meraviglioso!

sergio pasquandrea ha detto...

io non lo dico quasi mai perché rischio la fucilazione, però il mio più intimo desiderio sarebbe avere tutto l'anno temperature fra i 30° e 35°, nelle quali mi crogiolo soddisfatto come un boa nel suo rettilario.

mariangela ha detto...

Posso dire che quest'anno faccio le feri in settembre, e proprio non mi dispiace, agosto è stato un mese tranquillo, pochi pazienti e tranquilli, primario tranquillo, aria condizionata, e parcheggio libero, certo che quando esco faccio quasi un colpo, ma sopporto.
Ciao Claudia, sento che te la stai godendo, Roma in questo periodo è bella e calda, buon ritorno al lavoro.
Dai Amanda tien duro..............

Alle ha detto...

Io non lo so cosa succede in giro.
E' da domenica che non esco di casa, o meglio non vado oltre il cancello del giardino. Francamente avrei voluto approfittare di quest'altra, per me inusuale, settimana di ferie per fare qualche giro. Ma soffro terribilmente il caldo e allora mi sono detta meglio risparmiare le energie e seguire il fresco di casa.

Amanda, una vacanza è d'obbligo ora! Non so cosa sia più difficile,
reggere il caldo oppure la fauna umana....

Claudia, fotografia perfetta. Mi piace però immaginarti nella tua bella Sardegna.

Sergio, hai ragione rischi la fucilazione! Ma conosco tante altre persone come te...

Alle ha detto...

Mariangela, ho visto ora che ci sei anche tu. Ciao bellissima!
A volte lavorare quando sono tutti in ferie è una piccola vacanza....

alessandra ha detto...

Povera dottoressa Amanda hai ragione!
Urgono ferie per te e subito! Questo caldaccio toglie le forze, per fortuna qui in Abruzzo la sera rinfresca un pò, non è come nella precedente ondata di caldo in cui non avevamo pace nè di notte nè di giorno. Quando sento questo gran caldo mi viene da pensare all'inverno quando c'è quel grigio, quel buio e quel freddo che ti penetrano le ossa e allora cerco di gustarmelo lo stesso questo sole prepotente perchè so quanto mi farà star male dover far senza per mesi.
Claudia, Roma ad agosto è un sogno!
Ciao Mariangela!

amanda ha detto...

e questa sera qualcuno mi indica come ci si iscrive al partito di Erode?

Emilys ha detto...

resisti Amanda!!! io sono in ferie da ieri e sto sudando senza interruzione da 48 ore..tu che sei medico dici che mi devo preoccupare? e continuo a pensare che almeno in ufficio avevo il condizionatore...ps : mentre stavo scrivendo questo commento è partito un tuono e ha fatto 30 secondi di pioggia ..questa è la Trip con uno dei suoi soliti scherzi:-))

amanda ha detto...

ma dove tuona? nuvola di fantozzi?

Giocondor ha detto...

Vacanze terminate anche per me, ma come al solito sono piu' stanco di quando sono iniziate. Dottoressa che ne pensa? Avrei bisogno forse di un periodo di riposo? E che faccio? Rivado in ferie? E se poi torno ancora piu' stanco? Help me!!!!!! :))))