22 ottobre 2009

La luce a me dovuta ovvero: Torquemada in ufficio


Oggi mi son detta: “basta perdere tempo, hai mille arretrati, altrettante cose cui metter mano con urgenza, quindi un’occhiata ai blog (il nostro e Tiffany), una scorsa al Buongiorno gramelliniano e poi non si alza più la testa dalla scrivania come ai vecchi tempi”.
Ma la vostra amica ciacolante propone, e le dinamiche dell’ufficio dispongono.
Così, appena entro nella stanza, mi imbatto di nuovo nella luce che non funziona, già da ieri pomeriggio: odio il neon e quando poi si scarica è ancora peggio. La giornata è bigia, io sono miope da un occhio e astigmatica dall’altro, vi lascio immaginare. Direbbe Luca: non va!

Allora ho recuperato la lampada del mio spasimante informatico dal cuore infranto, pensando fosse l’occasione più propizia.
Ed ecco l’inutilità fatta lampada!
Litigo per un quarto d’ora con le prolunghe usb e la posizione da far assumere alla lampada stessa. Quindi riesco ad accenderla e questa scorbutica mi acceca senza neanche avvisarmi.
No, non ci siamo ancora, non serve a niente. La luce acceca ma non illumina.

All’entrata dell’ufficio abbiamo una bellissima lampada alogena che nessuno usa. È lì a prender polvere. Chiedo e controllo l’ubicazione delle prese.
Ma prima che riesca ad agire, ecco il Capo che, nel vano tentativo di emulare il Paladino Orlando, si appropinqua di lampada armato e… fiat lux!
E luce, in effetti, fu. E che bella! Gialla, calda, sembra un ufficio serio. I miei stanchi occhi si adeguano subito al bello.

A un certo punto le narici incominciano a pensarla diversamente dagli occhi, c’è decisamente puzza di bruciato… Eppure la spina non è calda.
Placido rispose il Paladino Orlando alla preoccupata novella Illuminata: «Sì, sono le varie falene e “compagnia cantante” [sic], tutti gli insettini volanti che si sono annidati dentro».

In sei parole dialettali: la sa un pu da grèm (sa di bruciato).

Mi sento un’assassina.
Che fare?

24 commenti:

alessandra ha detto...

Il dilemma è salvare gli occhi di Anna e ammazzare gli insetti o salvare gli insetti e ammazzare gli occhi di Anna? Io direi così per oggi salviamo i tuoi occhi e magari domani ti procuri (magari dallo spasimante informatico!!!)una lampada più adatta ai tuoi occhietti..Comunque la puzza degli insetti che bruciano è tremenda, avete presente quel "friggizanzare" che mettono nelle pizzerie all'aperto, io mi sento in colpa per tutta la cena, anche perchè esistono alternative a quell'aggeggio infernale!!
P.S. In ogni il neon dell'ufficio e lo schermo del computer uccidono gli occhi, io tampono col collirio

Anna S ha detto...

Quest'estate c'è stato un dibattito tra Amanda e Gianfranco sulle zanzare alla griglia ma io non mi sono espressa perché, cara Alessandra, la penso come te. E' uno sfrigolio tremendo, dà proprio l'idea della graticola. Brrr!

GianfraH ha detto...

Ma gli occhi di Anna senza dubbio!

Pero' bisognera' istruire il paladino che le paraboline delle piantane alogene sono sempre un ricettacolo di zozzerie :)

Quanto all'ammazza insetti: e' questione di sopravvivenza. Io attiro le zanzare, che a frotte si dissetano dal mio corpo. Tra le tante scelte che si possono fare, quella della gabbietta e' anche quella "piu' indolore", visto che i vari emanatori, piastrine etc e comunque uccidono ugualmente questi insetti, lo fanno lentamente e sono anche dannosi per la salute.

Ok, d'accordo essere animalisti, essere dispiaciuti etc, pero'... :)


Per quanto riguarda gli occhi: il neon dovrebbe essere montato su di una plafoniera che diffonde la luce in maniera indiretta, che da meno fastidio.

Il monitor: pretendete (!) che vi cambino il monitor con uno LCD grande a sufficienza; questi monitor non "tremano" come i pesanti monitor tradizionali.

Se provate fastidio anche con gli LCD, cercate di abbassare la luminosita', regolare la "temperatura del colore" sui toni caldi (nel mio si sceglie la voce "5300 °K"), di non puntare lampade dritte sul monitor.

E ogni tanto ricordate di fare pausa, la cosa piu' importante :)

g.

stefania c. ha detto...

@gianfr. hai ingoiato il manuale sulla 626 in un boccone solo???


@anna, salva gli occhi: io proporrei uno sciopero per insalubrità dell'ambiente di lavoro. appellati davvero alla 626, vai dal direttore e reclama!

stefania c. ha detto...

p.s. anzi, non è più dlgs 626 ma dlgs 81/08. scusate.

alessandra ha detto...

@GianfraH
In ufficio un computer nuovo non me lo compreranno mai, io vorrei poter lavorare con una bella lampada con la lampadina azzurra come quando studiavo, ma non illumina tutta la mia stanza..

stefania c. ha detto...

@alessandra, devi avere una adeguata illuminazione d'ambiente (luce diffusa) e poi anche una lampada da tavolo... una non esclude l'altra!

una corretta illuminazione è fondamentale per la salute dei nostri occhi

GianfraH ha detto...

@Stefania

...si vede cosi' tanto? :)

g.

Anna S ha detto...

@stefania c, siamo letteralmente in 4 gatti. Se inizio a rompere le scatole con la 626 è finita. Qui credo che niente sia a norma.
Comunque la nuova luce è bellissima e molto riposante. Spero che NON chiami l'elettricista e mi lasci la sua!

@Gianfranco, non so come dirtelo ma abbiamo certi schermi belli bombati da modernariato...

Gente, l'editoria indipendete è povera in canna!

stefania c. ha detto...

@gianfr. è lampante!

@anna, capisco... quindi adesso sappiamo cosa regalarti per il prossimo compleanno (o natale se è più vicino!)

comunque complimenti per la scelta dell'immagine. l'impero delle luci resta sempre il più suggestivo.

Anna S ha detto...

@stefania, grazie!! Troppo buona

alessandra ha detto...

@Stefania
La lampada me la potrei anche portare da casa, ma l'illuminazioone della stanza non credo cambieranno niente, certo non hanno a cuore la salute dei nostri occhi

amanda ha detto...

Qualcuno mi può dire che fine ha fatto il sito di tiffany: compare solo la pubblicità di microsoft office

alessandra ha detto...

@Amanda
Da me funziona..come va il raffreddore?

stefania c. ha detto...

@amanda, funziona anche da me.
peccato però che siano andati via già da quel dì...

amanda ha detto...

Ora funziona anche da me grazie.

Mi sembra vada un po' meglio anche se questa mattina mi sembrava di essere nella bolla del pesce rosso

amanda ha detto...

Qualcuno mi può dire cosa succede al mio computer avevo anche spedito un commento ad Anna che è sparito?

... dunque dicevo: prendi togli la lampadina alogena, senza toccarla con le dita,pulisci la piantana dai cadaveri, rimetti la lampadina, senza toccarla con le dita.

E dicevo anche che ogni sistema per sterminare le zanzare è sacrosanto perchè Noè quella volta non aveva la più pallida idea dell'errore che ha commessso ad imbarcarle

alessandra ha detto...

@Amanda
Forse sono così buona con le zanzare perchè non sono un loro bersaglio frequente..quando sono al mare si tuffano tutte su mia zia, che le attira da morire

Mati ha detto...

Anna al di là di aver salvato i tuoi occhi hai riempito di gioia i miei per il quadro di Magritte che hai messo!!! Ottima scelta :)

Anna S ha detto...

@Mati, sono contenta! Anche a me piace molto Magritte.

@amanda, certo se la pulisse il Paladino, che è un asso delle pulizie, sarei più contenta...

amanda ha detto...

Vabbè Ale ne riparliamo con tua zia.
Condivido la passione per Magritte: anche se non proprio tutto.
Il paladino: ma sì ma non fargli toccare la lampadina con le zampette

Anna S ha detto...

@amanda, guarda, è un perfetto uomo di casa. Infatti io dico sempre che ha sbagliato mestiere (ma non si dovrebbe proprio dire...Infatti lo pubblico direttamente in rete ;-)
Inoltre, in fatto di materie scientifiche, è un tuttologo dalla logorrea sopraffina, quindi non toccherebbe mai la lampadina con le zampe anteriori

amanda ha detto...

... magari ci prova con quelle posteriori :-D

Anna S ha detto...

Ne sarebbe capace, la sua testolina diabolica potrebbe anche suggerirglielo ma a quel punto scatterebbe la mazzata!