23 ottobre 2009

Malloreddus alla Campidanese

Questa volta la ricetta ve la propongo io... di tanto in tanto mi propongo ai fornelli e ancora non e' mai morto nessuno :)


Si tratta di una semplice ricetta della mia Terra, i Malloreddus alla Campidanese. Difficile trovare i "malloreddus" freschi nel resto della penisola; in Sardegna sono una delle specialità piu' comuni da trovare nei negozi di pasta fresca. In alternativa li potete trovare tranquillamente al supermercato assieme alle varie specialità regionali.

Ingredienti per 4 persone:
- 400g di malloreddus
- 500g di polpa di pomodoro
- 200g di salsiccia fresca
- 1 o 2 spicchi d'aglio
- 1 bicchiere di vino bianco
- sale, basilico, 1 pizzico di peperoncino se vi piace, olio extravergine Q.B.
- pecorino stagionato grattuggiato in abbondanza

Preparazione:

Mettete a soffriggere l'aglio a fuoco lento in un tegamino con un po' di olio, spellate la salsiccia, riducetela in macinato e mettetela a rosolare fino a quando non sara' bella dorata. A questo punto va aggiunto il vino bianco, che lasceremo sfumare. Girate spesso, controllate che il fuoco non sia troppo alto: la salsiccia e' traditrice e tende ad attaccarsi :)
Aggiungiamo la passata, un po' d'acqua, il peperoncino se vi va; non ci dimentichiamo del sale. La cottura e' variabile, piu' o meno 20/25 minuti da quando che inizia a bollire; girate di tanto in tanto, controllate il gas e attendete che il tutto si riduca.

Mettete nel frattempo l'acqua per la pasta, sale q.b. e aggiungete i malloreddus quando l'acqua bolle. Il tempo di cottura e' variabile: si tratta comunque di una pasta che normalmente ci mette un po' di piu' a cuocere, anche 15 minuti a volte; seguite pertanto quanto riportato nella confezione e assaggiate... meglio non fidarsi mai... se sembrano duri, un minuto di cottura in piu' non ha mai ammazzato nessuno.

Scolate, fate saltare il tutto nel sugo. Cospargete di abbondante pecorino e impiattate; se vi va completate con una foglia di basilico.

Se non avete fatto troppi errori, il risultato dovrebbe essere piu' o meno cosi':






Consigli: preparatene un po' di piu'... non avanzano mai :)

PS: potete trovare i malloreddus (gnocchetti sardi) anche con lo zafferano o con gli spinaci al loro interno, ma la ricetta tradizionale e' fatta con quelli di sola semola.

Buon appetito!

g.

7 commenti:

stefania c. ha detto...

hai capito il gianfr, tecnologico, poetico e pure culinario!
stai a fa' concorrenza a tonino eh!

senti un po', è inutile che continui a fare il vago, da te ormai vogliamo solo una cosa... (e non t'inventare robe strane, sai bene di che parlo)
la fotooooooooooooo!

GianfraH ha detto...

@Ste

e' che mi ho finito la pellicola digitale... :)

g.

stefania c. ha detto...

@gianfr, ma vedi d'annatene, va... :-)

stefania c. ha detto...

d'annattene, con due ti

amanda ha detto...

vedi pure cuoco l'uomo qui... donne in cerca di partiti fatevi sotto

Anna S ha detto...

Che partito??!! GianfraH è mio, e da tempo!!

:-))

GianfraH ha detto...

@Anna

...grazie per la fiducia, vedrai che sapro' come farti ricredere :D

g.