15 ottobre 2009

scusi vuol ballare con me? Grazie preferisco di no!


Allora della passione per le danze di Anna sappiamo, si legge tra le righe, il ballo torna spesso nei suoi commenti e nei suoi post.
Io se mi mettono musica non riesco a stare ferma è più forte di me, ballo anche da sola, anche cucinando, anche seduta in treno, i piedi iniziano a muoversi, le mani pure. Certo sono una signora di una certa età, non ballo la tecno, ma ballare è una cosa che faccio da quando ero piccola, da quando vedevo "cappello a cilindro" con Fred Astaire e Ginger Rogers e rubavo il bastone di mia nonna ed improvvisavo dei frenetici tiptap nel corridoio della casa dei miei.
Mi sarebbe piaciuto avere un compagno ballerino, andare ad un bel corso di tango o di balli latino-americani o anche di liscio, ma un orso si muove a ritmo più volentieri della mia dolce metà.
Così le volte che una festa tra amici o un bel caterraduno o(... ogni occasione è buona) mi mette in movimento, fermarmi è pressochè impossibile, potrei andare avanti per ore.
Ed il vostro rapporto con la danza qual è?

51 commenti:

alessandra ha detto...

Per conoscere il mio rapporto col ballo, basta fare una telefonata alla simpatica famigliola che vive nal piano sotto il mio!
Io quando rientro dal lavoro spesso la prima cosa che faccio è mettere su un cd di musica "scatenata", che può essere ligabue, i rolling stones o che so io, mettermi scalza e agitarmi per la stanza stile liv tyler in io ballo da sola...e poi dirty dancing rimane uno dei miei film preferiti dell'adolescenza..

stefania c. ha detto...

oh! ragazze, qui mi hanno incastrata col lavoro... come faccio? devo produrre. mannaggia!
va be', un piede di qua e uno di là...

Anna S ha detto...

Oh, che bel post!

Innanzitutto un consiglio su tutti, "Ballando ballando" di Ettore Scola. Chi se lo ricorda?
Tra l'altro c'è un attore che è uguale al mio relatore della tesi.

Il ballo è al tempo stesso un desiderio ancora irrealizzato, una passione non coltivata e rischia di diventare un rimpianto, un'altra rosa che non colsi.

Devo decidermi a iscrivermi a questo corso di tango ma la distanza da casa mi inibisce.

Giulio ha detto...

Io faccio danzare volentieri le mie mascelle però la mia specialità è il pas de deux che eseguo volentieri con tutto ciò che è commestibile

stefania c. ha detto...

eccomi in pausa pranzo, col documento consegnato! sono stata velocissima...

allora, io quando sento un po' di musica non riesco proprio a trattenere il piedino o il bacino o la testolina... però quando sono in pubblico divento un tronco di legno, mi imbarazza troppo e solo se sotto effetto di alcolici riesco a fingere di ballare.
ma adoro farlo da sola o con poche persone...
penso comunque che ballare abbia un grande potere catartico... o forse è la musica che ce l'ha.

maria grazia ha detto...

@stefania c., mi sono riconosciuta in pieno in quello che hai scritto, io adoro la musica, da sola mi scateno, ma in pubblico non mi muovo...

Mati ha detto...

Sono l'eccezione del blog? Non mi piace molto ballare, giusto qualche volta se sono completamente sola improvviso qualche non-ballo...e se qualcuno mi vedesse dovrei sotterrarmi!
E questo mi crea problemi non indifferenti con i miei amici che il sabato vogliono andare a ballare!!! Ci ho provato 5-6 volte, mi sono anche chiusa nel bagno del locale con le amiche per farmi insegnare qualcosa ma niente..dopo un pò che siamo sulla pista si mettono a ridere e mi dicono di andare a prendere qualcosa da bere eheheh!
Ci ho rinunciato. Se si va a ballare sto a casa e leggo un libro, quello per lo meno mi riesce!!!

amanda ha detto...

secondo me il ballo ha qualcosa a che fare con lo stare bene con se stessi, con la propria fisicità... che mi dite?

amanda ha detto...

@Anna: naturalmente non ho visto ballando ballando
Ma secondo me se ti iscrivi al corso di tango dalla seconda lezione qualcuno che ti accompagni a casa lo trovi di sicuro

Anna S ha detto...

60Km alle 11 di sera? Non credo proprio...

Giulio ha detto...

In parole povere Amanda sta invitando Anna a darsi alla nobile arte del rimorchio.....

mariangela ha detto...

@anna un'amica si è iscritta a BACIATA TANGO, a detto che è bello e sensuale, e sono d'accordo con Amanda che alla seconda lezione trovi chi ti accompagna a casa.

amanda ha detto...

@Giulio: così non ci parla più di quei tipini che regalano lampade per pc girando con improbabili pantaloni improponibili per mattatoi, sarà sempre più sano un sudato e passionale ballerino di tango!

GianfraH ha detto...

Non amo discoteche e robe simili; unica eccezione qualche anno fa, ma evito accuratamente in modo che non si ripeta :)

alessandra ha detto...

@AnnaS
Magari al corso trovi Mr Gramellini con la fascia nera sulla pancia (che ne ha bisogno!) e la rosa tra i denti!!!
bello comunque il tango, avevte visto il film "Lezioni di Tango" di Sally Potter? Meraviglioso..

amanda ha detto...

@Ginfra: nenche io amo le discoteche, ma ballare non significa necessariamente discoteca, qui si parlava del tuo rapporto con la danza... hai presente quella cosa per cui c'è la musica ed il corpo si agita a ritmo?

stefania c. ha detto...

@amanda, credo che tu abbia ragione, per ballare (almeno in pubblico) devi avere un buon rapporto col tuo corpo e con la tua fisicità...
poi ci sono quelli che non hanno proprio il senso del ritmo o, non so se è il caso di Mati, la musica non la sentono dentro.

per me ballare non significa necessariamente essere dei campioni, ballare è sentire la musica dentro e lascirsi andare a lei... tutto qui.

amanda ha detto...

Concordo e sottoscrivo e se mi prende bene mi sento perfino bella :-D

Anna S ha detto...

@alessandra, mi fai morire! Gramellini con la fascia nera sulla pancetta e la rosa tra i denti che fa risaltare bene la pelata! AAAHHHH!!!!!!

A proposito di film sul ballo, a parte che ci sta benissimo Pane e tulipani anche qui, che ne dite della scena di Caro diario con Nanni Moretti che imita Abe Lane in un improbabile mambo?

Anna S ha detto...

Se mi iscrivessi a un corso di tango potrei incontrare Richard Gere... Shall we dance!!

alessandra ha detto...

@AnnaS
E quando Nanni Moretti incontra Jennifer Beals, l'attrice di Flashdance, e le dice che avrebbe voluto fare il ballerino e lei lo guarda stralunta? Ti ricordi quando diciamo "ballava" con la vespa zigzagando per le strade di Roma al ritmo di Khaled? Che bel film

stefania c. ha detto...

una delle mie attività preferite nelle sere d'estate è farmi scorazzare in vespa sulle orme di moretti in caro diario... io non devo far niente se non godermi le meraviglie di roma e l'aria fresca della sera... fantastico!

oh ma quanto siamo brave a saltare di palo in frasca?

GianfraH ha detto...

@Amanda

ti immagini? gia' mi mancano i preliminari discotecari, dove veramente non serve saper fare nulla; figuriamoci quando oltre al nulla serve anche la tecnica :)

Al momento muovo testa e piedi a ritmo, ho un buon senso del ritmo (faccio finta di suonare la chitarra a tempo perso, ho fatto qualche lezione di solfeggio a suo tempo), ma piu' di questo no.
Se compro casa in campagna prendo anche la batteria, ok? :))

Saluti

g.

alessandra ha detto...

@Stefani
è vero si passa dal ballo al cinema ai giri in vespa per Roma..non mi dire che hai la mitica vespa anni 70, io la adoro, Roma ne è piena, certo magari i freni non saranno il massimo, ma vuoi mettere andarsene a zonzo su una vespa anni 70 sul lungotevere al tramonto?

GianfraH ha detto...

@Stefania

fino a quando non sono finito malamente a terra, scorrazzare in Vespa per Firenze e dintorni era una gioia.

GianfraH ha detto...

@Alessandra

un "vespone" anno '86 fa lo stesso?
Frena un po' di piu'... :)

g.

amanda ha detto...

@Ginfra ah sì suonatore immaginario di chitarra... ho presente, aspettiamo casa in campagna e batteria

stefania c. ha detto...

@Alessandra, no no, la vespa non è la mia ma del un mio amico... quello che mi scarrozza.

@Gianfr, quando ho provato per la prima volta il vespone di mio nonno, mi sono schiantata bella bella su un muretto a secco, l'ho buttato giù tutto e sono passata nella proprietà del vicino... non aggiungo altro!
(dopo molti anni ho imparato a guidare un cinquantino e a quello mi fermerei)

alessandra ha detto...

@GianfraH
Può andare bene e sicuramente in città è più sicura, ma vuoi mettere la linea di quel gioiellino della vespa anni 70 ben riverniciata...bella...è come la 500, quella nuova è bella sì, magari un pò costosa, ma niente a che vedere con la mitica 500 originaria, mio padre ce l'aveva, poi l'abbiamo dovuta dare via, io e mia madre abbiamo pianto all'addio alla nostra beniamina...

amanda ha detto...

@Ste: io con la mia vespa 50 mi sono portata a casa un palo, deve esser il rapporto con le marce che non funziona finchè andavo con il califfo di mia sorella andava tutto a meraviglia, ora le uniche marce con cui non ho problemi sono i 24 rapporti della bici

Anna S ha detto...

Oh bene, si è inceppata la stampante, posso tornare a ciacolare.

La vespa è un'esperienza che mi manca. Solo bici.

stefania c. ha detto...

eh ragazze, ma in bici si fa troppa fatica...

Anna S ha detto...

Ma è così bello! Le discese ardite e le risalite!

stefania c. ha detto...

@amanda, il califfo era un mito! come il ciao e il sì (però anche col sì mi sono schiantata mentre mio padre cercava di insegnarmi)

alessandra ha detto...

Io avevo un "sì", una volta, erano i primi tempi, sono riuscita a cadere da ferma stracciandomi i pantaloni semplicemente spingendo troppo forte e in là la maniglia dell'accelleratore, c'era un passante vicino a me che secondo me a distanza di anni ancora se la ride..io odio la mia inettitudine con i mezzi di trasporto a 2 e 4 ruote, non mi sento autonoma, vuoi mettere cara amanda se dobbiamo partire tipo thelma e louise per un viaggio avventuroso, io non guido, tu non guidi, anna nemmeno, stefania nemmeno, dobbiamo per forza portare Giulio come chaffeur che ci chiama patate e ci mette su un cd dei Pooh..non va bene..vado a fare un corso di guida spericolata a Maranello..

Anna S ha detto...

Ma a voi è piaciuto Thelma e Louise? Io l'ho trovato tanto isterico. Insopportabile

amanda ha detto...

Ora si comprende perchè abbiamo abbandonato la guida :-D
Giulio, Ginfra e Tonino potrebbero metter su una scuola guida per patate ... in tutti i sensi.


@Ste: ho compreso il dramma di ricevere in dono una bici 24 marce la prima volta che sono stata portata sui colli Euganei, ma adesso arrivo a 100 Km a giro con salite multiple sui colli. Grande soddisfazione! (ma non più di 500 mt di dislivello per carità!)

amanda ha detto...

@Anna: non mi pareva così isterico... ma forse lo devo rivedere

alessandra ha detto...

@AnnaS
A me non è sembrato molto isterico...secondo me l'isteria nei film, è cominciato un pò dopo..ci fate caso che negli ultimi anni tutti i film hanno acquisito ritmi più sincopati, si parla spesso di cose estreme, un pò al limite, insomma è sempre come se si volesse tirare l'emotività ai massimi livelli..anche le immagini sono molto più veloci..io a volte esco dal film provata, sarà che le multisale (che non amo) hanno sale a volte piccole, con l'audio altissimo e schermi giganti, sarà che sono miope..

amanda ha detto...

Avete mai visto i film del coreano quello di V come vendetta o giù di lì che dir si voglia? Ho visto il precedente della trilogia non mi ricordo neanche più il titolo. Mi sono ROTTA e lo dico per intero ROTTA di tutta questa violenza gratuita, dopo Tarantino l'esagerazione regna sovrana

alessandra ha detto...

@Amanda
Condivido su tutta la linea...basta con la violenza gratuita...

GianfraH ha detto...

A me sono scaduti anche i fratelli Cohen con "non e' un paese per vecchi"... un altro po' e uscivo dalla sala.

alessandra ha detto...

@GianfraH
A volte io lo faccio, mi sembra che adesso si debba sempre insistere sul dramma, spingere forte sull'accelleratore dell'emotività..per esempio crash, non quello di cronenberg, quello che ha vinto l'oscar qualche anno fa, non era fatto male, ma ragazzi una tragedia dopo l'altra...sono uscita stravolta..già la vita è così complicata

amanda ha detto...

di crash ce ne sono stati 2 uno bellissimo, l'altro osceno cioè quello di cronenberg, ho lasciato andrea davanti al dvd e me ne sono uscita a riveder le stelle.

Invece non ho visto non è un paese per vecchi

GianfraH ha detto...

@Alessandra e Amanda: siete agli antipodi su Crash di Cronenberg!

Non mi resta che vederlo :)

g.

alessandra ha detto...

@GianfraH
No, diciamo che crash di cronenberg è veramente brutto anche per me, l'altro crash, ho letto su internet ieri che il regista si chiama Paul Haggis, è un film ben fatto, ma altamente drammatico, sono uscita provata dal cinema

Anna S ha detto...

@GianfraH, anch'io detesto la discoteca.

Quanto ai film, se non l'aveta ancora fatto, andate a vedere "L'ospite inatteso" con uno dei miei attori preferiti, ossia Richard Jenkins. Delicato e profondo.

amanda ha detto...

@Anna mo' me lo segno

Anna S ha detto...

Venerdì ho visto "La doppia ora" dell'esordiente Capotondi (spero non parente di cristina): qualcuno l'ha visto?

amanda ha detto...

Pare di no... ce ne parli?

Anna S ha detto...

Mah, sono un po' perplessa. Si tratta di un'opera prima e si vede ma va riconosciuto anche un certo talento: è senz'altro una costruzione ambiziosa, che lascia però un po' spiazzati. A tratti mi ha fatto anche paura (ma quando sono stanca sono più facilmente suggestionabile, dunque non faccio testo).

E' la storia di una cameriera d'albergo che si innamora di un ex poliziotto. Durante una rapina a mano armata lui viene ucciso. O, almeno, così pare. A questo punto lei è vittima di una serie di visioni e coincidenze alquanto inquietanti. Finché...

Non posso andare avanti, altrimento vi svelo troppo.
Alla fine il regista non fornisce proprio tutte le risposte all'enigma e il tutto lascia un po' di angoscia.
Credo però che, in fondo, mi sia piaciuto.