23 agosto 2010

Rana pescatrice al forno




Che la chiamiate rana pescatrice o coda di rospo sempre della stessa cosa si parla: pesce dalle carni grassocce, e succulente, non economico, ma che si mangia con molto gusto.
Con una bella coda di rospo si mangia in due persone, se nessuno vi avrà tolto la pelle ricordate che il modo più semplice di toglierla è inciderla e poi rigirarla come fareste per un guanto, detto fatto.
1 coda di rospo
3 bei rametti di rosmarino
prezzemolo
1/2 bicchiere di olio extravergine d'oliva
1 bicchiere di vino bianco secco
1 cucchiaino di farina
sale e pepe
Scaldate il forno a 180°
versate l'olio in una pirofila
mettete la coda di rospo nettata nella pirofila insieme a due rametti interi di rosmarino
salate e impepate
coprite con il bicchiere di vino bianco
ponete in forno caldo per 30 minuti avendo l'accortezza di raccogliere di tanto in tanto il fondo di cottura e di cospargerlo sulla coda di rospo.
A fine cottura togliete la coda di rospo dalla teglia, ponetela sul piatto di portata, e tenetela in caldo sulla bocca del forno, raccogliete tutto il fondo di cottura, dopo aver tolto i rametti di rosmarino essiccati, e ponetelo in un pentolino sul fornello aggiungendo un trito fatto con le foglioline dell'ultimo rametto di rosmarino ed il prezzemolo ed il cucchiaino di farina, lasciatelo asciugare fino ad ottenere una salsetta con la quale coprirete la coda di rospo.
Servite con insalata mista eventuali patate bollite e se volete scialare una bottiglia di greco di tufo freddo

7 commenti:

oriana ha detto...

prima di tutto la foto che è strepitosa, la ricetta mi ingolosisce, specialmente ora che sto mettendo a lessare dei fagiolini e che mangerò probabilmente con una mozzarella.tristessa.

amanda ha detto...

qui fa così caldo oggi che solo insalata si può mangiare e senza neanche tristessa

alessandra ha detto...

Bbbbbona questa rana pescatrice mi piace molto!

La foto è strepitosa, ha ragione Oriana! Stasera mi tocca la carne...

Tonino ha detto...

Che dite ?
Due spaghetti trafilati e tirati nel sughetto ?

alessandra ha detto...

@Tonino
Bboni pure quelli, Tonino ecco un altro colpo basso...per la mia golosità da buon toro!

alle ha detto...

la rana pescatrice è veramente molto buona, così non l'avevo
mai gustata. Sarà la prossima
ricetta che metterò in pratica.

Di recente l'ho preparata con
pachino, olive taggiasche, capperi
di pantelleria e erbe aromatiche.
Un altro modo semplice e leggero di
assaporarla.

amanda ha detto...

buona davvero Alle fatta così