15 novembre 2010

7 domanda per me posson bastare: puntata n°3




Quali erano i vostri cartoni animati preferiti da piccoli? Con quali giochi vi divertivate?

Queste veramente sono 2 domande quindi, in realtà, le 7 domande sono 8, ma poi mi danno della pignoletta, così rispondiamo

I cartoni preferiti: non ce n'erano mica tanti ai tempi miei, Heidi è arrivata che ero già grande. Leggere leggevo Asterix, li avevo tutti, ma tutti tutti. C'era solo Walt Disney ed uno all'anno per carità.
Ma avere una sorella di 6 anni più grande giova per cui avevo Linus a casa e leggevo i Peanuts e Calvin & Hobbes. E anche Valentina Mela Verde del Corriere dei piccoli

A che giochi giocavo?

Tutti! il gioco è stato inventato per me: vivevo per strada, facevo i compiti velocissimamente solo per poter scendere in strada a giocare: nascondino, stop, uno due tre stella, pattini, bici, cerbottana.
Giochi in scatola c'erano monopoli, alta finanza, carriere e ricordo che un natale arrivò mosca cieca: una scatola di cartone con 4 buchi in cui dovevi infilare la mano, nella scatolona si mettevano tanti oggetti, ad ogni oggetto corrispondeva una carta da gioco, si estraeva la carta, e si doveva cercare nella scatola, al tatto, l'oggetto corrispondente, vinceva chi lo trovava nel minor tempo. Solo dopo dopo dopo sono arrivati risiko e trivial

20 commenti:

Gloria ha detto...

Dunque io ero la classica sorella minore noiosa e appiccicosa quindi sempre dietro a mio fratello. guardavo jeeg robot d'acciaio, mazinga zeta una ciofeca di telefilm giapponese megalomen (vorrei tanto rivederlo per farmi due risate..io mi volevo sposare takashi, un giapponesino in tuta attillata rossa e grigio metallizzato che si trasformava in un robot con una criniera tipo ivana spagna ai tempi di easy lady..)
a parte i cartoni io impazzivo per hazzard, preferivo di gran lunga gli inseguimenti dei cugini duke ai pianti d'amore di candy candy.
per i giochi, dunque,da brava sorella appiccicosa mi univo ai giochi di mio fratello con i suoi amici : quindi mi ritrovavo a giocare a subbuteo, con i soldatini o con la pista delle macchinine. poi con le mie amichette giocavamo alle signore.
il salto di qualità c'è stato quando i miei mi hanno regalato il gioco in scatola "dallas". sono diventata una petroliera ovadese. giravo con i dollari finti nel portafoglio e mi sentivo miliardaria. andavo a comprare il gelato con un biglietto da 1000 dollari....

Marilina ha detto...

Buona settimana, bellezze di questo blog!
Cartoni preferiti: Heidi, (Candy Candy mi pare di no, era troppo fragile...), Lady Oscar, Jeeg Robot (è in questo che c'era Actarus? Ero innamorata di lui) e Megalomen (ma quanto surreale era, Gloria?!?).
Il mio gioco preferitissimissimo erano i Lego.
Ho cementificato (mattoncinato) tutta la provincia di Treviso con le mie villette.
Ma erano bellissime, a misura d'uomo, tenevano conto dell'importanza di un'ottima qualità di vita.
Mi facevano morire la finestre ad angolo, era la mia firma.
E poi i giochi all'aperto, nascondino, chi ce l'ha, l'elastico, rubabandiera, splendidi e meravigliosi nei pomeriggi d'estate.
Aaaahhhhh, ricordare queste cose in un lunedì mattina uggioso di novembre!!!
Vado a farmi un caffettino.

Gloria ha detto...

uh Marilina..i lego!! mi ero scordata,. io li mischiavo anche con i playmobil. creavo città assurde con gli omini dei playmobil che chiudevo in mini case dei lego!
e cosi marilina anche tu eri una fan di takashi?? ma te la ricordi la musichetta? e lui che prima di trasformarsi assomigliava moltissimo a toto cutugno? con quella capigliatura nera petrolio e quel ciuffo sbarzzino?

alessandra ha detto...

Scusate oggi sono di strafretta, devo recuperare arretrati lavorativi vari...allora da dove comincio i cartoni animati sono troppi! Candy Candy, Heidi, Ryu, Remi, Goldrake, Jeeg Robot, Mazinga, il magico mondo di Paul e Nina, Bia regina dei fiori, Peline...vi avverto potrei fare un elenco lunghissimo...
I giochi anche per me erano quelli in cortile, quello dell'elastico, avete presente? Poi la corda, nascondino, correre dietro a i grilli e alle lucciole..scappo, ma tornerò!

Sara ha detto...

Io adoravo Candy Candy, mentre mi irritavano i cartoni di quelle ragazzine che giocavano a pallavolo. Però avrei voluto essere Lady Oscar!
un saluto!

Giocondor ha detto...

Andavo pazzo per Tom & Jerry, guardavo Goldrake, Jeeg Robot e Mazinga Z. Ricordo partite interminabili a pallone per strada, le figurine Panini, nascondino e giochi senza frontiere.
Poi, come sempre capita, optai per il mare...
Ciao Amanda

alessandra ha detto...

Ho avuto ora il tempo di leggere i vostri commenti..Gloria mi hai fatto strozzare con l'acqua..porca miseria mi fai troppo ridere, ma da dove ti vengono fuori cose così? :-)

Mafaldanellarete ha detto...

dunque dunque...
Candy Candy - Georgie - Nana Supergirl - Lupin - Lady Oscar - La stella della Senna - Puffi - la signora Minu - Occhi di gatto savasandir. Holly e Bengie (io ero innamorata di mark lenders però a volte anche di Bengie, diciamo mark lenders stimolava la parte piu passionale, e bengie quella piu bisognosa di protezione)
A che giochi giocavo?
Fuori: Pallavvolo, pallavvolo, pallavvolo e un po il nastro come Hilary
Dentro: facevo le bamboline di carta e i vestitini e disegnavo disegnavo disegnavo, e a volte giocavo anche al dottore con la mia amica Marta.
...
Poi ho scoperto le droghe leggere, un bel po dopo però.

Marilina ha detto...

Gloria, mi ricordo la sigla Megaaaalomennn e lui che sfrecciava col parruccone biondo paglia e la sua tutina super-aderente a righe rosse e blu (mi pare...).

Gloria ha detto...

leggendo tutti i commenti ho fatto un tuffo nel passato. quanti cartoni, alcuni me li ero proprio dimenticata!
Marilina : ora oltre a miguel dobbiamo litigarci anche takashi. mi sa che poi arriva scott e ci frega tutte due!

Marilina ha detto...

No no Gloria, di Takashi non ero innamorata.
E adesso che ci penso neanche di Actarus.
Era di Capitan Harlock che ero innamorata!!
... ma adesso, nella nebbia dell'età, mi chiedo: ma chi era?!? Aiutatemi!!

Gloria ha detto...

Capitan harlock non era quello col ciuffone molto yeah ( però a pensarci bene tutti i protagonisti dei cartoni giapponesi avevano dei ciuffi tirabaci..) e quel mantello nero col collo alto? aveva anche una benda all'occhio o sbaglio? non mi ricordo più però la sigla era bella.
ora che cartoni ci sono? cosa guardano i bimbi di oggi?

alessandra ha detto...

Capitan Harlock...bello, mi piaceva! E Mila e Shiro due cuori nella pallavolo dove li mettiamo?

Gloria ha detto...

Eh ma mila e shiro erano troppo sportivi. io che ero una tombolotta poco atletica non li guardavo mai.
mi adagiavo sui prati con heidi e le caprette che fanno ciao aspettando che il nonno di heidi facesse il formaggio.

maria grazia ha detto...

Sono fuori media... io ricordo Braccobaldo, Yoghi e Bubu, Svicolone...
Ma dove sono vissuta? nella preistoria!

oriana ha detto...

MG, ma vuoi mettere? La tenerezza di Braccobaldo! Quei robot tutti uguali che sparano lame rotanti! Almeno mio figlio guardava Sampei il pescatore, un po' di ecologia che diamine! Anch'io ho giocato con il Lego con mio fratello, e mi permetteva di costruire oggetti con il Meccano, allora si facevano distinzioni tra giochi da femmine o da maschio. E nascondino, mondo e un due tre.... stella!

amanda ha detto...

quanti ritorni! Giocondor mafalduzza che meraviglia se avessi saputo che con i cartoni vi stanavo postavo i cartoni prima!

amanda ha detto...

@MG: finalmente qualcuno di un po' datato che mi risolleva, il giardi è sparito? qualcuno che abbia i nostri stessi ricordi pre giapponesi?

Marilina ha detto...

Capitan Harlock era giapponese?!?
Non me lo ricordavo.
Ora la mia memoria lo associava a Jack Sparrow...

Ma com'è che la mia età è da Yoghi e Bubu ed invece guardavo Nippon Cartoons?!?

alle ha detto...

Io sono dell'epoca di Braccobaldo Show, Yoghi e Bubu, Speedy Gonzales,Willie il coyote, Braccio di Ferro,Matley, Napo Orso Capo ecc. Alcuni di questi cartoons li ricordo ancora in bianco e nero, forse perchè non c'era tanto da vedere mi sembravano dei capolavori imperdibili.
Quando arrivarono i giapponesi io ero già adolescente, sì li guardavo perchè erano nuovi, ma i miei interessi iniziavano a rivolgersi altrove.

Sono anche dell'epocca dei giochi di strada o del cortile della parrocchia o di casa. Ricordo il magico nascondino, sollevati, quattro cantoni e poi le sceneggiature inventate con i miei fratelli quando giovavamo ai cowboys e indiani nella campagna dietro casa.......
In casa c'era il lego, made in svizzera, i soldatini, qualche bambola e poi arrivarono gli scacchi e non ce ne fu per nessuno!