19 maggio 2011

Chiedi chi erano i Beatles



Ieri mi è stato messo tra le mani un cartoncino, suggello del fatto che il tempo alle mie spalle è una vita intera, e credetemi in questo preciso istante lo dico senza melanconia, è una mera constatazione, le cose di fatto stanno così.


Già l'estate scorsa, forse ve ne avevo già parlato, era entrata una signora in ambulatorio col suo neonato e mi aveva detto "sono contenta di trovare lei dottoressa" ed io che non mi ricordavo affatto di lei la guardavo con aria ebete e lei, rivolta al marito ha buttato lì la frase fatale "sai era la mia pediatra". Lì sì il dolore fu violento.


Il cartoncino dice Michele ed Isabella sono lieti di annunciare il loro matrimonio. Beh direte voi, non sarà mica il primo matrimonio a cui assisti. No certo, vi rispondo io, ma è il primo matrimonio a cui assisto a cui ho cambiato i pannolini allo sposo. Il primo bambino per cui abbia cantato ninne nanne, il primo bambino che abbia caricato sul seggiolino della bici su e giù per argini, il primo bambino per cui abbia inventato una favola, il primo che sia andato a prendere all'uscita dell'asilo.E' il primogenito di miei amici di infanzia.


Insomma non è che la cosa mi abbia trovata impreparata: due anni fa io stessa avevo prestato agli sposi la mia canadese e l'attrezzatura da campeggio per la loro prima vacanza insieme, quindi direte voi dove sta il problema? In effetti da nessuna parte, solo che a qualcuno dovevo pur raccontarlo

17 commenti:

Gloria ha detto...

eh si il tempo passa inesorabile.
a volte le giornate sembrano tutte uguali, sembra che nulla si muova ma è un po' come nell'universo : le stelle nascono, brillano, esplodono, fanno rumore, i pianeti si muovono a velocità impressionante e a noi sembra che nulla accada. invece poi ti ritrovi che il bambino a cui cambiavi i pannolini ti consegna l'invito di matrimonio. è il miracolo della vita. tic tac tic tac, come passa il tempo e a me sembra sempre di non fare niente, mi sfuggono i giorni di mano. mi sembra di non far fruttare questo tempo prezioso ma di sprecarlo. si possono accumulare ricchezze, denaro, case ma l'unica cosa che se non usi non viene conservata con parsimonia è il tempo. se non lo usi viene buttato. è uno spreco e io sono stata sprecona.
basta con questa filosofia.
e così Amanda un matrimonio in vista? sarà in estate?

alessandra ha detto...

Cara Gloria, ti capisco, provo la stessa sensazione, odio la sensazione di tempo sprecato, vorrei aver avuto una vita densa e piena di eventi ogni anno, un labum pieno di fotografie significative.
Anche a me capitano ogni tanto questi flash che mi fanno rendere conto del fatto che sono passati tanti anni, sarà che il fatto che io faccio ancora a malincuore la vita della ragazzina per certi versi mi porta a pensare che il tempo si sia fermato, ma non è così.
Mi è capitato quando la figlia di mio cugino che ho visto nascere ha compiuto 18 anni e ha cominciato a guidare meglio di me (ci vuole poco ahahhaha),devo dire che veder crescere i figli dei miei cugini più grandi mi fa rendere conto che sono "invecchiata" contro la mia volontà :-)
L'altro giorno parlando con una mia amica abbiamo tirato fuori una canzone dei primi anni 90, a me ricordava i primi anni di università a Roma, a lei la seconda media :-) :-) sono colpi al cuore, perchè dentro mi sento una ragazzina!!!!! 14 anni o poco più!!!

amanda ha detto...

Gloria alla fine sai che non so se riuscirò ad esserci alle nozze perchè le sostituzioni sono tutte incastrate e forse quello sarà l'unico momento in cui riuscirò andare in ferie

oriana ha detto...

ecco adesso lo capite quando dico che non sono ancora pronta per essere nonna? Ho ancora tante cose da fare.

amanda ha detto...

certo se devi fare la nonna come fai la mamma! stai ancora a cucinare per tua figlia come se abitasse a casa

oriana ha detto...

ho rallentato e molto anche, difatti un po' si lamenta

alle ha detto...

Uno dei miei colleghi di lavoro l'ho conosciuto quando all'età di 7-8 anni accompagnava suo padre che allora lavorava per l'azienda.
Dopo circa 20 anni me lo sono ritrovata in ufficio nella scrivania di fronte e non potevo credere che fosse lo stesso bimbetto biondo biondo che mi guardava con l'aria timida e con grandi occhi giallo/verde.
Sono queste "scoperte" che ti fanno capire come il tempo tenga un ritmo inesorabile che travolge senza tanto chiedere il permesso.
Ma penso che nella vita non sono solo le grandi imprese che determinano il valore e il senso dei nostri giorni. Il semplice vivere quotidiano implica sempre un coinvolgimento grande delle nostre energie e ciò non può essere uno spreco del nostro tempo. Anche se non sempre siamo soddisfatti di ciò che facciamo, ma questo è un altro argomento.

Ernest ha detto...

e più si va avanti e più si ricordano le cose migliori o peggiori, quelle che segnano, che cambiano che trasformano

maria grazia ha detto...

eh si il tempo passa inesorabilmente, ma non credo venga sprecato, forse abbiamo in mente molte, troppe cose da fare, e forse lo usiamo per fare le cose meno importanti e non ci dedichiamo invece con serietà a quelle molto importanti? mah? chi puo' dirlo.
Penso che tra non molto anche io mi ritrovero' come Amanda con in mano il biglietto delle partecipazioni del mio figlioccio che ha 29 anni, una morosa ormai consolidata, se penso che l'ho tenuto in braccio quando è nato e ora è un ragazzone di un metro e 80, laureato, non mi pare vero.

claudia ha detto...

Non so se ci dedichiamo troppo alle cose meno importanti, visto che poi, quando le si ricorda dopo tempo, anche quelle diventano piacevolissimi ricordi e momenti che ci hanno formato al di là delle nostre previsioni.
Però é certo che perdiamo un sacco di tempo a fare programmi quando dovremmo dedicare più tempo a vivere...
Se posso aggiungere: non é sano trascorrere 9 ore della propria giornata in un ufficio per quarant'anni!

amanda ha detto...

@Claudia: direi che la tua chiusura è il succo della questione :D

Emilys ha detto...

come direbbe la Trip " invecchiare è l'unico modo infallibile per vivere a lungo!!" ;-))

Tonino ha detto...

'' Pa', conosci questo pezzo ?''
''Certo, vai nella libreria al secondo piano e li' lo troverai,l'L.P.''.
Pensare che si ballava, lento, ora mia figlia lo ascolta,resta impressionata e mi chiede se per puro caso l'avessimo ?!
Non si ballano più i lenti, non ballo più il lento, non ballo.
Ma mi piace la musica, i concerti,viaggiare per ascoltare musica ed ora anche con mia figlia e giocare a calcio con lei,correre in bici con lei, a pallacanestro all'ultimo tiro, sgommare con il missile e fra un pò con la moto più grande.
Dai ,amica mia , cavalca la tigre, ti darà un sacco d'emozioni,ma con forza, con la volontà, affrontala, non aver timore, saltaci su'. Ora !
One kiss.
T.

amanda ha detto...

@Emilys: sospiro, le perle di saggezza della Trip

claudia ha detto...

@ Tonino, il tuo post mi ha fatto venire in mente un episodio molto simile, legato anche al video degli Stadio postato da Amanda.
Festa dei natale della quarta ginnasio. Un mio compagno di classe porta alla festa una musicassetta (!) dei Beatles, che io avevo sentito nominare ma mai sentito cantare, almeno fino ad allora.
Mi innamoro di quella musica, torno a casa e parlo con grande entusiasmo ai miei di questo gruppo "dei loro tempi", veramente forte.
Loro mi lasciano finire di parlare, poi scoppiano a ridere e mi mostrano un vecchissimo disco dei mitici 4 che uno zio aveva portato a mia madre dalla grecia!
Ora sono una grande fan dei Beatles e la loro musica è la colonna sonora della mia vita...

alessandra ha detto...

Quanto è vero, 9 ore al giorno in un ufficio sono tempo sprecato, finiamo col passare più tempo con i nostri colleghi (che non sempre sono amabili) che con le persone a cui teniamo davvero.
E comunque anche il lavoro più bello non dovrebbe occupare tanto spazio nelal giornata.

Marilina ha detto...

Per me il senso del tempo "inutilizzato" che passa sta nel non aver figli da crescere, in modo da lasciare la mia impronta nel mondo.

Va da sè che se poi la vita mi ha portato a percorrere altre strade, esse siano comunque ricche di segni che possono essere lasciati.

In vena di Amarcord, questa sera e domani sera su Rai 1 Notte prima degli esami 1982...

Adddooooooro Chiedi chi erano i Beatles. Può essere che me la ricordi a fine estate 1988 cantata da Dalla?